top of page

Orari e rette

Il nido d'infanzia Elisa Lari accoglie i bambini dai 18 ai 36 mesi di età. 

La scuola d'infanzia accoglie i bambini dai 3 ai 6 anni. 

Il servizio educativo è aperto dal 1 Settembre al 30 Giugno, dal lunedì al venerdì dalle 7:45 alle 16:00.

Orario segreteria:

dal lunedì al venerdì dalle 8:00 alle 13:00

o su appuntamento

RETTE A.S. 2024/25:

 

Retta nido d'infanzia: 3.600  € annui

(da settembre a giugno per un totale di 10 mensilità da 360 €)

Retta scuola dell'infanzia: 2.600   € annui

(da settembre a giugno per un totale di 10 mensilità da 260   €)

IBAN: IT87I0503412807000000130423

BPM

Contributo di iscrizione annuo:  100   €

È prevista una riduzione in caso di fratelli frequentanti entrambe le scuole.

Contatta la segreteria scolastica per maggiori informazioni.

ORARI :

7.45 - 09.00

 ENTRATA

12:30 - 13:00

PRIMA USCITA

15:30 - 16:00

SECONDA USCITA

16:00 - 18:00

eventuale

TEMPO PROLUNGATO

(con contributo a parte)

192506754_218217676818514_87133965823150542_n.jpg

Sempre in orario!

La scuola comprende quattro sezioni di scuola dell’infanzia per un totale di 95 bambini e comprende una sezione di nido-primavera 18/36 mesi da 20 bambini. Grazie alla L.R. 19/2016 e con la L.M. n.65 del 2017, si concretizza la possibilità di concepire un Polo educativo dell’infanzia 0/6 in stretto scambio e in effettiva collaborazione nei percorsi educativi, progettuali e organizzativi. In questo modo, la vita all’interno della scuola è organizzata con la possibilità di spazi e tempi comuni ma anche momenti di progettazione e attività didattica in sezione diversificata per ogni tipologia di servizio.

Come si svolge la mattina?

All’inizio della mattina i bambini del nido d’infanzia e le loro famiglie, sono accolti da un insegnante nella sezione a loro dedicata, secondo la cifra della quiete e della calma, per consentire un saluto tranquillo e un momento di sosta e di coccola grazie ad una narrazione. Al termine degli inserimenti, nella prima fase dell’anno, i bambini sono accolti nello spazio comune (stanza dei giochi) insieme a tutti i bambini e le insegnanti della scuola. I bambini del nido d’infanzia sperimentano contatti quotidiani con i bambini dell’infanzia, in particolare durante alcuni momenti della giornata, come ad esempio l’accoglienza del mattino o il ricongiungimento del pomeriggio. Successivamente i bambini del nido vengono accompagnati dall’educatrice di sezione nel loro spazio nido. Alle ore 9.30, dopo la merenda con frutta fresca e il momento dell’appello nel cerchio dell’amicizia, iniziano le attività strutturate. I bambini sono così suddivisi in piccoli gruppi, per iniziare le attività della giornata. Le educatrici si affiancano nel momento delle esperienze didattiche e del gioco per supportare e sostenere l’agire dei bambini come registi/mediatori. Per i bambini che avessero bisogno del riposo antimeridiano, è dedicato uno spazio in sezione. Finita l’attività quotidiana, ci si prepara per il pranzo, consumato in sezione, dedicando di nuovo un momento all’igiene personale. L’ausiliaria dedicata alla sezione che accompagna il gruppo durante la giornata, riassetta lo spazio e predispone il riposo pomeridiano dei bambini che rimangono anche al pomeriggio. I bambini che non rimangono a riposare, raggiungono gli altri dell’infanzia nello spazio comune in attesa dell’arrivo dei loro genitori. Dopo il riposo e la merenda, i bambini, insieme alle loro educatrici, attendono l’arrivo dei genitori.

ciop.png

La scuola è aperta dal lunedì al venerdì dalle 7.45 alle 16.00.

Come si svolge il pomeriggio?

Il servizio di dopo scuola, dalle 16 alle 18, è composto come un’esperienza progettuale condivisa tra nido e infanzia con la presenza di personale educativo che organizza e propone quotidianamente attività varie sia negli spazi interni che esterni della scuola. Il servizio è organizzato in modo da poter rispondere con ampia disponibilità e flessibilità alle esigenze delle famiglie rispetto alla conciliazione vita - lavoro. 

E in estate?

È attivo il servizio di tempo estivo per tutto il mese di luglio, dalle 8.00 alle 16.30 per i bambini del nido e dell’infanzia che può essere anche gestito da un ente esterno alla scuola.

L'importanza dei rituali

La quotidianità nella sezione nido d’infanzia è caratterizzata da tempi e ritmi che scandiscono la giornata e che sono pensati e progettati fin dall’inserimento. Il collettivo delle insegnanti si sofferma, si confronta e condivide l’organizzazione delle routine, momenti importanti non solo per il nido, ma anche per tutto il polo d’infanzia, in quanto vissute con sistematicità e costanza. Esse trasmettono sicurezza e fiducia al bambino, nell’abitare con serenità gli spazi della sezione, grazie anche alla figura dell’adulto e al gruppo dei pari. La giornata, con i suoi tempi scanditi secondo un preciso ritmo, diventa un contenitore di relazioni, attività e costruzioni di significati in un equilibrio tra quiete ed attività, routine e cambiamento. Le routine, di loro natura ripetitive e prevedibili, scandiscono i tempi della vita all’interno del nido e di tutto il polo d’infanzia ma sono riviste dal collettivo in itinere per accompagnare i bambini in un percorso vero che aderisca alla loro crescita personale e di gruppo. Fin dall’inserimento le routine scandiscono la giornata in modo che i bambini possano ritrovarsi nei tempi e negli spazi e con sicurezza e si ritrovino presto, grazie anche alle figure delle educatrici e del gruppo dei pari, ad abitare con serenità il contesto in cui sono inseriti.

Le routine sono caratterizzate da rituali, gesti significativi  che, ripetuti con regolarità, aiutano il bambino a costruire una struttura di riferimento nella quale orientarsi e trovare senso a ciò che accade e che muta nel tempo. Il conforto maggiore è vivere questo tempo in un contesto collettivo inserito nel gruppo dei pari e con la mediazione dell’adulto, che motiva e accompagna l’esperienza quotidiana.

Il tempo al nido è un tempo di cura e di relazione che si compie in tutti i momenti della giornata, secondo un ritmo rallentato e disteso in modo da rispettare i bisogni individuali di ogni bambino accolto. È anche grazie a questi momenti lenti che i bambini possono sperimentare la loro autonomia e aprirsi all’altro con fiducia e coraggio, sentendosi protagonisti delle proprie azioni. L’educatore sostiene questo processo, attraverso un ascolto autentico che si traduce in gesti di cura e di benevolenza. Nel momento del mattino e della consegna del pomeriggio, dove le famiglie hanno bisogno di attenzione e disponibilità, è importante che gli educatori siano organizzati in modo da garantire loro il tempo di essere accolte e dove, insieme ai bambini, possono restituire l’esperienza della giornata e dare conferme al genitore di ciò che è avvenuto. Accompagnare le famiglie con questa presenza, permette di instaurare con loro un rapporto sincero basato sulla fiducia e sull’accoglimento.

Orario di servizio del personale

La direttrice, con la coordinatrice pedagogica, concorda di anno in anno l’organizzazione e i turni del personale, per rispondere alle esigenze dei bambini presenti in sezione, in relazione al numero e all’età. Le insegnanti dispongono di un monte ore annuo da dedicare alle attività integrative quali: formazione, aggiornamento, documentazione, rapporti scuola-famiglia, progettazione. Nel caso in cui, in scuola siano presenti, bambini certificati ai sensi della legge 104/1992 è prevista la presenza di educatori di sostegno.

Una volta al mese o su necessità, le insegnanti del nido d’infanzia hanno un colloquio con la direttrice o con la psicologa per verificare o aiutare situazioni particolari.

bottom of page